TROPEA

Vacanze a Tropea Vacations to Tropea Ferien zu Tropea Vacaciones a Tropea Congés à Tropea

 

Vacanze Tropea Mare

Dove si trova Tropea

Tropea è un paese stupendo conosciuto in Italia e all’estero per il suo splendido mare e le sue bianchissime spiagge. Situata sul versante tirrenico, tra il golfo di Sant'Eufemia e il golfo di Gioia Tauro, Tropea si innalza su un promontorio, detto “la rupe”, ai piedi del Monte Poro. In bus: è possibile raggiungere Vibo Valentia con gli autobus di linea che la collegano con Tropea. Viaggiando in treno, la rete ferroviaria collega regolarmente Tropea con Lamezia Terme, Reggio Calabria, Napoli, Roma e Milano. Arrivare a Tropea in aereo è semplice e sono due gli aeroporti vicini, quello di Lamezia Terme e quello di Reggio Calabria. Invece, arrivando in auto da Nord, bisogna prendere la autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria e uscire a Pizzo. Poi, si prosegue, per la Strada Statale Vibo Marina sino a Tropea. Da Sud, si prende sempre la A3 Salerno-Reggio Calabria, si esce a Rosarno e si prosegue per la statale verso Nicotera dove troverete delle indicazioni per raggiungere Tropea.

La Storia di Tropea

I reperti archeologici testimoniano la presenza d’insediamenti umani sin dal Paleolitico. Le antiche popolazioni, gli Enotri, i Morgeti e gli Itali, furono colonizzate dai Greci tra l’VIII e il VII sec. a.C.. In seguito, saranno i Romani a occupare tutta la Calabria e, più tardi, con la fine dell’ Impero Romano, la regione sarà vittima di continue invasioni da parte dei Bizantini e dei Longobardi. Tropea, sotto sovranità bizantina per lungo tempo, fu enormemente influenzata da questa civiltà, erede di quella greca. Esempio di questa influenza fu il fatto che il rito bizantino rimase in uso e, i fedeli latini, costruirono addirittura una chiesa fuori la città, S. Maria dei Latini. Mentre in Calabria si susseguivano le dominazioni di diversi popoli ( i Normanni, gli Angioini, gli Aragonesi e gli Spagnoli), Tropea manteneva il proprio demanio. Nel corso della storia, ci furono diversi tentativi di vendita per infeudare Tropea, tutti falliti grazie alla forte opposizione della popolazione. Il terremoto del 1783 e le conseguenti epidemie, portarono la città verso una forte crisi economica mentre, durante il periodo Napoleonico, Tropea acquistò grande importanza dal punto di vista militare. Tropea è nota anche perchè diede i natali a Pasquale Galluppi (1770-1846), grande pensatore calabrese.

Tropea e l'Arte

Tropea conta oltre 15 chiese di valore storico-religioso. Tropea conta oltre 15 chiese di valore storico-religioso. La più importante è la Cattedrale Normanna che racchiude al suo interno numerose opere d’arte La più importante è la Cattedrale Normanna che racchiude al suo interno numerose opere d’arte. Altre chiese da visitare, nel centro cittadino, sono: San Pietro in Ripas e la Chiesa di S. Demetrio (o di S. Francesco d’Assisi). Al centro della città c'è Piazza Ercole considerata il punto d'origine di Tropea. Dal belvedere di corso Vittorio Emanuele, si possono ammirare lo scoglio di S. Leonardo e l’isoletta di S. Maria (oggi unita alla costa) dove si trova il santuario di S. Maria dell’Isola, antico monastero benedettino. Camminando per le suggestive strade della città vecchia troviamo, in Via Boiano, Villa Braghò, una bella e caratteristica villa patrizia. Infine, a Tropea, vicino a Tropea, si conservano, quasi integre, numerose strutture urbanistiche dei secoli XVII e XVIII come, ad esempio, palazzi barocchi con grandi cortili e maestosi portali.

Gli Eventi a Tropea

In questa zona della Calabria, ogni paese celebra la festa del proprio Santo patrono o della Madonna Protettrice, evento accompagnato da notevoli spettacoli folkloristici. A Tropea, località nei pressi di Tropea, si festeggiano la la Madonna dell’Isola, il 15 Agosto, e la Madonna di Romania, l'8 Settembre In particolare, a Tropea, località nei pressi di Tropea, si festeggiano la festa della Madonna di Romania (8 Settembre) e la Madonna dell’Isola il 15 Agosto. Una delle feste più caratteristiche di Tropea si chiama "I Tri da Truci" Come evento singolare citiamo la Sagra della Cipolla che si svolge ogni anno il 13 di Agosto a Ricardi. La cipolla di Tropea è famosa nel mondo per le sue qualità. Infatti, già Plinio il Vecchio, grande naturalista romano, ne conosceva le proprietà benefiche adatte a curare vari disturbi legati alla fisicità umana.

La Natura a Tropea

Senza dubbio i paesaggi più belli di Tropea li troviamo lungo il litorale, caratterizzati da bianche spiagge dalla bellezza incontaminata, in armonia con le ricettive strutture alberghiere. Tre strade e cinque scalinate vi portano, dalla rupe dove si erge Tropea, alle sue splendide spiagge. Da visitare e da godere in tutta la sua meraviglia è la “Costa degli Dei”: circa 40 Km di litorale stupendo e unico in Italia per immergersi nella natura. Spiagge bianchissime, acque cristalline, insenature modellate dai venti e dalle correnti. A strapiombo sul mare Tirreno, proprio di fronte alle Isole Eolie e lo Stromboli, si erge imponente il promontorio noto col nome di Capo Vaticano che, a partire dall’ Appennino Calabrese, si estende fino al mare separando il Golfo di Santa Eufemia da quello di Gioia Tauro.

Tropea e la Cucina

I piatti calabresi rispecchiano la terra in cui sono stati creati fatta di mare e di monti. Nelle ricette calabresi regna il peperoncino, importato nel 1500 in Calabria dal Nuovo Mondo, che vivacizza quasi tutti i piatti a base sia di pesce che di carne La cucina calabrese nasce da una lunga tradizione contadina e suoi piatti sono semplici e aromatizzati fatti di sapori forti e genuini che caratterizzano questa regione nota per la produzione di agrumi, olive, ortaggi e vini. In particolare, nelle ricette calabresi, regna il peperoncino importato nel 1500 in Calabria dal Nuovo Mondo che vivacizza quasi tutti i piatti a base sia di pesce che di carne. Da assaggiare sono gli appetitosi Peperoncini ripieni con sarde e capperi, gli Involtini di melanzane e la N'duja, carne di maiale e lardo impastata con una grande quantità di peperoncino piccante, resa spalmabile da gustare con il pane, la carne e le verdure. Da sorseggiare anche i deliziosi liquori alla Liquerizia, al Bergamotto e al Limone.